Alcuni degli ebook che abbiamo prodotto:

Servizio di conversione e creazione ebook per editori ed autori.
Conversione da Word, inDesign, XPress, pdf, odt... in ePub e mobi

Per informazioni scrivere a: info@guidaebook.com


Home » Notizie

Il NYT sul prezzo degli eBook

4 marzo 2010 0 commenti
Il NYT sul prezzo degli eBook

Il NYT sul prezzo degli eBook

Il quotidiano americano “New York Times” si occupa quasi tutti i giorni degli eBook. Nell’edizione di domenica 28 febbraio ha pubblicato un articolo sul costo e sul prezzo dei libri sia in edizione cartacea che in eBook.

Innanzi tutto il NYT dice: “Nell’emergente mondo degli eBook, molti consumatori ritengono che gli editori risparmino moltissimo, non dovendo stampare o distribuire libri su carta, e che dovrebbero trasferire questo risparmio ai lettori. (…)
Ma gli editori sostengono che i consumatori esagerano l’importo del risparmio e che hanno sviluppato una aspettativa irrealistica su quanto possa essere basso il prezzo di un eBook. Si, dicono, i costi di stampa non ci sono più, ma rimangono gli altri costi, come i costi di gestione, il marketing ed i diritti d’autore.
Qui sorge la domanda: quanto costa produrre un libro su carta rispetto l’equivalente digitale?”.

Quindi il NYT descrive la composizione dei costi, che qui sintetizziamo:

Carta eBook
Prezzo di copertina 26.00 12.99
Rivenditore 13.00 3.90
Grafica e composizione 0.80 0.50
Stampa e spedizione 3.25 0.00
Marketing 1.00 0.78
Diritti d’autore 3.90 3.25
Guadagno dell’editore 4.05 4.56

Poi una considerazione: “Apparentemente gli eBook sono più convenienti per gli editori. Ma gli editori fanno notare che il mercato degli eBook rappresenta solo una porzione del totale delle vendite, dal 3 al 5 per cento. Se le vendite di eBook salissero, spiegano gli editori, sugli eBook si scaricherebbero molti dei costi fissi ora scaricati sui libri tradizionali, come gli uffici, il personale ed i magazzini, che sarebbero in parte inferiroi, ma che non potrebbero più essere coperti dal minor numero di copie cartacee vendute.

Un’altra ragione per la quale gli editori cercano di evitare prezzi troppo bassi per gli eBook e che le librerie, sia le catene che le librerie indipendenti, non potrebbero competere. Con l’aumento di acquirenti delle edizioni digitali, se questi hanno un prezzo molto inferiore dei libri cartacei, solo pochi affezionati e collezionisti comprerebbero libri tradizionali nelle librerie.”

Il NYT da un’occhiata a quanto successo nella musica dopo l’avvento degli MP3 nel 2000: i costi dei CD o dei singoli brani è calato del 3%. Nello stesso periodo il costo dei libri di carta è cresciuto del 6%.
In realtà bisognerebbe notare come i negozi specializzati in CD musicali siano pressoché spariti anche nelle grandi città e come i CD ora si vendano solo online o attraverso i supermercati.

Il NYT chiude con due considerazioni. La prima è che l’editoria non è comunque un grande affare e che il 70% dei libri pubblicati ha un bilancio in perdita per l’editore.
La seconda considerazione la fa l’autrice di “intervista con il Vampiro”, Anne Rice: “Noi autori non sappiamo se gli editori abbiano fatto la scelta giusta sul prezzo degli eBook (aumentandolo da $9.99 a $12.99/$14.99). Per quello che mi riguarda, vendere un milione di copie di un eBook a $9.99 sarebbe comunque un gran successo per qualsiasi autore. L’unica cosa che so è che è un errore cercare di frenare gli eBook od il Kindle e cercare di frenare questa rivoluzione costruendo una diga. Non funzionerà”.

Scritto da Luigi |

Scrivi il tuo commento

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

|